Boardwalk Empire: termina il 2013 con la quarta stagione

UNA DELLE MIGLIORI SERIE TV DEGLI ULTIMI ANNI CONCLUDE L’ANNO CON LA QUARTA STAGIONE E SI PREPARA ALLA QUINTA

Il 2013 di Boardwalk Empire termina con un finale di stagione ad alta tensione che conferma la bellezza di una delle migliori serie degli ultimi anni. Prodotta da Martin Scorsese e scritta e ideata da Terence Winter (sceneggiatore de I Soprano, The Wolf Of Wall Street), Boardwalk Empire è riuscita, stagione dopo stagione a dipingere un grande affresco dell’America degli anni ’20, allargando sempre di più il suo campo d’indagine. In questa quarta stagione, nuovi anelli si aggiungono alla storia, personaggi storici, nuovi traffici come quello dell’eroina e le prime indagini dell’FBI. Non a caso, dietro a questo capolavoro televisivo, vi è Martin Scorsese, grande appassionato dell’epoca del Proibizionismo, dei gangster e delle loro storiche lotte.

Ancora una volta il nucleo narrativo principale è quello che ruota attorno a Nucky Thompson e al suo impero: il traffico di alcolici e, novità rispetto gli anni precedenti, l’Onyx Club gestito con il socio Chalky White. È proprio questo club il centro focale dei nuovi affari di Nucky e non solo. La maggior parte dei nuovi episodi, infatti, procedono al ritmo del blues e del jazz cantato e suonato al Club. La musica diventa un nuovo personaggio del film (complimenti a Tim Van Petten) e introduce con forza un tema, secondario nelle precedenti serie, il razzismo. Chalky è un uomo che pretende rispetto, e si innamora di una cantante del Club, Daughter. Dietro di lei c’è un padre-guida, Doctor Narcisse, uno dei personaggi più cattivi e ambigui della storia, che capovolgerà tutti i ruoli esistenti, soprattutto quello di Chalky e di Nucky. Parallelamente, un altro filone narrativo, coinvolgerà Eli Thompson, il quale da semplice fratello di è diventato personaggio principale del plot. Il finale della scorsa stagione aveva posto Eli e Nucky fianco a fianco. L’alleanza di Eli era stata decisiva per superare tutti gli ostacoli; questa stagione invece rovescia l’equilibrio, mette uno contro l’altro, a causa della nuova scheggia impazzita della serie, Will, figlio di Eli, che diventerà probabilmente uno dei personaggi principali della prossima stagione.

Eli, ricattato da Warren Knox, è stato costretto a tradire il fratello pur di salvare il figlio. Nucky a un passo dalla fine, lo scopre e in una scena di grande intensità, gli punta una pistola alla fronte. Il confronto viene interrotto da Will, che salva il padre e lo mette anche nelle condizioni di spiegare le sue ragioni al fratello maggiore. Eli si salva e sfoga la sua rabbia con Knox, che muore sul suo tappeto di fronte alla moglie di Eli, testimone di una violenza inaudita. Per sdebitarsi, Nucky gli offre una scappatoia, chiedendo a Capone il favore di prendere il fratello tra i suoi salvandogli in questo modo la vita e la libertà.

Questa è solo una delle tante soprese di uno dei finali di stagione più densi e ricchi di colpi di scena.

C’è Chalky che perderà sua figlia per errore, c’è Al Capone che a suo modo, riesce a spuntarla con il boss John Torrio il quale, arrendendosi alla forza del proprio rivale, gli passa lo scettro di boss. C’è Gillian, madre di Jimmy che viene arrestata dopo aver confessato l’omicidio del passato, e infine c’è Richard Harrow, uno dei personaggi più silenziosi ed umani del film, il quale, dopo essere riuscito a sistemare le cose per la custodia di Tommy il figlio di Jimmy, capitola in uno dei modi più tristi della storia.

La sua mano ferma e decisa da sicario non è più quella di una volta. Prima non aveva nulla da perdere, ora ha una famiglia che lo aspetta, così quando per errore uccide Maybelle, la figlia di Chalky al posto di Narcisse, fugge ferito e muore sotto uno dei ponti del Boardwalk, sognando di vivere felice e contento con la sua famiglia. La morte di Richard è stata senza dubbio la più dolorosa. Egli rappresentava l’eroe di Boardwalk Empire, colui che è passato da essere un veterano della guerra a padre e marito. Il ritrovamento della sua umanità e delle relative debolezze è stata una soluzione narrativa perfetta per il suo personaggio e la morte, il migliore degli epiloghi.

Complimenti a Terence Winter e non vediamo l’ora di scoprire cosa accadrà ai nostri gangster preferiti nella quinta stagione.

Per voi uno dei più bei pezzi interpretati dalla splendida voce di Miss Daughter all’Onyx Club “St. Louis Blues”

 

About Redazione Film4Life 5523 Articoli
Film 4 Life è una web magazine costituita da una redazione giovane e dinamica che si occupa di promozione, diffusione e comunicazione del cinema.
Contact: Facebook