Le visioni di Goya sul grande schermo

ARRIVA IN SALA IL FILM SULL’ARTE DI GOYA GRAZIE A NEXO DIGITAL

Goya Nexo DigitalChe il connubio arte-cinema rappresentasse un’accoppiata vincente lo sapevamo già: dai grandi film che raccontano la vita di artisti noti ai documentari, sicuramente il genere è seguitissimo e amato. Lo ha capito anche la Nexo Digital, che da tempo investe sulla diffusione di lavori incentrati sull’argomento, dedicandovi una vasta e interessante parte del proprio programma annuale, non soffermandosi solo su ciò che è la vita e la produzione di un artista, ma espandendo il campo di ricerca anche a quello che è il contesto museale in cui le sue opere sono inserite.

Dopo il successo di pubblico ricevuto dagli scorsi lavori, che si sono meritati spesso anche un ritorno in cartellone, come per le visite in 3D dei Musei Vaticani e di Firenze e gli Uffizi, ecco che la Nexo porta al cinema un grande artista, esaminandolo e narrandolo a partire da una sua acclamata mostra alla National Gallery di Londra. Goya: Visioni di carne e sangue di David Bickerstaff è un film evento che troverete al sala solo il 2 e 3 febbraio.

Francisco José de Goya y Lucientes (1746–1828), meglio conosciuto solamente come Francisco Goya, è considerato uno dei più importanti artisti spagnoli di tutti i tempi, nonché uno dei precursori dell’arte moderna. Quello che il film-documentario ci racconta non è solo la sua vita porta la vita, ma come già accennato anche una visita virtuale della una sua acclamata mostra londinese Goya: the Portraits, oltre che un percorso di esplicativo di altri capolavori appartenenti a collezioni di fama mondiale e una passeggiata nei luoghi in cui l’artista spagnolo visse e lavorò (la bellissima campagna di Siviglia alle grandi cappelle sino ai palazzi reali di Madrid), il tutto corredato dalle parole di esperti internazionali del campo e artisti contemporanei.

Immagini naturalmente in altissima risoluzione, ci mostrano le opere di Goya rivelandone le strabilianti capacità come ritrattista e commentatore sociale, impegnato ad immortalare i ceti alti come anche il popolo. E poi ci viene mostrato come queste opere vengono conservate e curate, oppure quali sono quelle solitamente off limits per il pubblico, oltre al vantaggio di poter avere una visione ravvicinata dei dettagli di ogni dipinto.

Opere e vita. Perché quella di Goya fu un’esistenza movimentata che ancora oggi non smette di stupire con continue nuove scoperte sulla sua biografia. Un raro accesso al suo Notebook italiano (uno sketchbook realizzato in Italia tra il 1769-1771), infine, mette in contatto gli spettatori con le riflessioni più intime dell’artista spagnolo.

About Eleonora Materazzo 549 Articoli
"Suonala ancora, Sam"