Un matrimonio da favola: recensione film

foto-un-matrimonio-da-favola-.jpg

UN MATRIMONIO DA FAVOLA AMALGAMA I (SOLITI) TEMI DELLA ‘NUOVA COMMEDIA ALL’ITALIANA’: GAG, SENTIMENTI E NOSTALGIA DI UN TEMPO CHE FU

ocandina-un-matrimonio-da-favolaGENERE: commedia

DATA DI USCITA: 10 aprile

DURATA: 91′

VOTO: 2,5 su 5

Gli anni più intensi, spassionati, sinceri ed onesti, molto probabilmente, sono quelli dell’adolescenza, quando tra i banchi di scuola si facevano i conti con le parole d’amore impacciate, gli sguardi imbarazzati, le amicizie autentiche e tutti quei difettucci che, nel piccolo-grande mondo scolastico, sembravano insormontabili, forse indelebili, dalla maturità fino alla vecchiaia non se ne sarebbero più andati, si pensava. Tutto era ingigantito, poi; le personalità, nonostante si credesse il contrario, erano da smussare e modellare in un futuro che sembrava ancora lontano. E poi? E poi, nella maggioranza dei casi, tutta quella bellezza era persa, ognuno, ovviamente, prendeva una strada diversa, scordando i volti dei compagni di banco ma tenendo stretto un ricordo, un aneddoto, un gol al campetto della scuola. Tutti con la propria vita reale, tutti con i loro, nuovi, diversi, problemi. Rincontrarsi, poi, dopo anni, dopo tutto, porta spesso con se la nostalgia e la mancanza di una facilità che il più delle volte, crescendo, si perde, e allora il momento diventa magico, quasi catartico.

Succede questo a cinque compagni di scuola che dopo vent’anni si ritrovano in un lussuoso albergo per il matrimonio di uno di loro, quello che all’epoca dello studio era il più bruttino e imbranato; infatti Daniele (Ricky Memphis) sta per sposarsi con una ricchissima ragazza svizzera e pensa bene di invitare i suoi amici, così per rivederli e ricordare le vecchie avventure. Tra loro c’è Luca (Adriano Giannini), guida turistica e sciupa femmine; Giovanni (Emilio Solfrizzi), sposato con una moglie divorzista (Paola Minaccioni) ma con una ”relazione” con la bella Sara (Ilaria Spada); poi c’è Luciana (Stefania Rocca), la più frizzante ma, adesso, sposata con il tedioso Fabio (Riccardo Rossi) e, infine, Alessandro (Giorgio Pasotti), il bello del gruppo e gay non dichiarato. I cinque amici, ritrovandosi dopo anni, daranno il via ad un week end all’insegna dei vecchi tempi, scoprendo aspetti di loro che li faranno dubitare sulle scelte di vita intraprese fino a quel momento.

Ecco servito Un Matrimonio da Favola, il nuovo film vidimato dai Fratelli Vanzina, che mescola in essere un cast affiatato, divertito e divertente; una storia semi-nostalgica, sketch e gag mai sopra le righe e tutti quegli altri elementi cari, carissimi alla ”nuova commedia all’Italiana”, ovviamente alternati ai pilastri, nonché fili conduttori della vicenda, tipici della risata tricolore. L’opera, per l’appunto, è un susseguirsi di situazioni sbagliate che di conseguenza creano nel plot il classico ”effetto equivoco”; le ”scenette” che fanno da collante, però, molte volte, sono, come già detto, le solite che appaiono in altri titoli simili: c’è l’amante, la moglie che arriva quando meno te lo aspetti, la scappatella, un matrimonio da celebrare e una cornice che va a cozzare con le personalità dei protagonisti. Tutto questo mixato con la sindrome da Peter Pan, l’hangoover del giorno dopo, lo sfigato con la bellona e la classica crisi di mezz’età; fattori, questi, che cercano di creare nel film due correnti d’intrattenimento, mantenendosi contemporaneamente tra passato e presente, un po’ come i personaggi della vicenda che si ritrovano a fare i conti con un ”come eravamo” pericoloso ma altrettanto liberatorio. Un Matrimonio da Favola, dunque, ha sì il pregio di essere un film latentemente lieve ma, ahinoi, supera il confine sempre troppo labile del superficiale, traendo dall’assurdità di alcuni momenti le chiavi di svolta di una narrativa che – almeno onestamente – mette al centro di se la risata e il divertimento semplificato in funzione di un pubblico educato sempre alla stessa orecchiabile ma comunque monotona sinfonia.

About Redazione Film4Life 5535 Articoli
Film 4 Life è una web magazine costituita da una redazione giovane e dinamica che si occupa di promozione, diffusione e comunicazione del cinema.
Contact: Facebook