Il noir che diventa farsa

                        "Drammi" esistenziali di un killer per caso

                                      {mosimage}

Grottesco e surreale, un pastiche d’autore che diventa spot turistico. Probabilmente nemmeno Picasso o Bunuel ci avrebbero capito molto in questo omaggio al cinema del grandguignol. In Bruges – La coscienza dell’assassino, opera scritta e diretta da Martin McDonagh, si rispecchia paradossalmente di più nel sottotitolo italiano.

Trattasi di un killer interpretato dall’irlandese doc Colin Farrell, che al primo lavoro andato male dal odioso capo (Ralph Fiennes versione Voldemort), viene mandato col collega anziano e mentore (un intenso Brendan Gleeson) “in quarantena” a Bruges in Belgio, città medievale avvolta da nebbia e vapori di birra. Forse proprio la gran quantità ingurgitata dalla troupe, ha dato quel tocco melanconico ad un film che s’insedia tra le linee di numerosi generi cinematografici, a partire dalla commedia nera stile british, passando per il dramma interiore caro alle opere del primo Scorsese, mettendoci un tocco di gotico alla McGrath. Ritmi lenti e azione ridotta al lumicino fanno da sfondo a dialoghi di natura allucinogena, in parole povere dettati da un non-sense diffuso che puntella nella farsa noir il suo pilastro narrativo. Ammettere che ci si diverta a guardare questo cult da videoteche di zona, significa anche rimanere sbalorditi dal finale esageratamente teatrale, che sterza bruscamente nel thriller dopo i toni leggeri che fanno da ingresso a questa monotona città, In Bruges appunto. Quando poi il riposo forzato si trasforma in lavoretto di uno ai danni dell’altro, ecco che le coscienze si smuovono, differenti e oniriche moralità escono alla ribalta e nani xenofobi vengono scambiati per bambini-vittime sacrificali. Non si capisce la scelta del doppiaggio satirico alla Mr. Bean, per il resto la storia di Ken e Ray rimane un gioiellino solo per certi appassionati di cinema, quelli che amano arrovellarsi la mente e distrarsi appresso a uno script cervellotico ma coraggiosamente sperimentale.

Titolo Originale: IN BRUGES
RegiaMartin McDonagh
InterpretiColin Farrell, Brendan Gleeson, Ralph Fiennes, Elizabeth Berrington, Rudy Blomme, Olivier Bonjour, Mark Donovan, Eric Godon
Durata: h 1.47
Nazionalità: Belgio, GB 2008
Genereazione

About admin 2553 Articoli
CURIOSI DI CINEMA
Contact: Facebook