Berlinale 2016, ci piace già!

BERLINALE 2016 AL VIA: LE PAROLE DELLA GIURIA E IL FILM D’APERTURA

berlinale La Berlinale si apre con un grande show, quello della giuria presieduta dalla Signora del cinema Maryl Streep, donna e attrice di straordinario talento e altrettanto fascino. Se si pensa al suo racconto di quando la scartarono ad un provino perché “non abbastanza bella” si deve solo ringraziare la sua forza di volontà, altrimenti per colpa di un casting demente avremmo perso una delle interpreti più grandi di tutti i tempi!

Quindi eccola, la giuria al completo: Lars Eidinger, attore tedesco, Brigitte Lacombe, fotografa francese, Clive Owen, divo inglese, Nuck James, critico britannico, Malgorzata SZumowska, regista polacca e la nostra Alba Rohrwacher, di cui per la prima volta sento pronunciare il cognome senza storpiature. Una giuria che la Signora Streep presiede, a suo dire, senza sapere come, essendo la sua prima esperienza: “Non sono mai stata presidente di giuria e non ho  idea di come si faccia, ma poiché sono il boss della mia famiglia, vedrò di cavarmela” dice ironica. “È un privilegio assoluto vedere i film e poi poterne parlare con estrema attenzione e profondità, in più tornerò a casa raccontando di film che nessuno ha ancora visto, e per finire comunque io ho due voti, e loro uno!” continua. E incalza: “Sono molto attenta alla parità e all’inclusione, che si tratti di colore della pelle, sesso o altro. Questa giuria è molto sensibile a questo, infatti sono io a dominare. Credo che il Festival di Berlino, in tal senso, abbia una marcia in più”.

Poi ognuno dice la sua sul ruolo di giurato, e si sente che questi professionisti affrontano questo lavoro con estrema passione e grande slancio. Clive Owen dice che non è facile per nulla giudicare il lavoro, e che qui si ha in mano una grande responsabilità e opportunità, quella di “cambiare” la vita e la carriera di registi e attori. “Come lavoreremo? Non si può dire quello che succederà, è una cosa che scopriremo lavorando insieme anche se mi pare che tutti i giurati abbiano una loro umanità che condivido” dice la nostra Alba, che a festival di Berlino è di casa essendoci stata sia con diversi film che come Shooting star ( quest’anno tocca a Sara Serraiocco).

E se la giuria ci ha accolti con un’atmosfera easy, la conferenza stampa del film di apertura (fuori competizione) Ave,Cesare! dei fratelli Coen è stata un vero e proprio show. E d’altra parte come poteva non esserlo, con George Clooney a fare da capocomico… L’attore ha spiegato che, arrivato al quarto film con i Coen –  che secondo lui sono “cugini di primo grado e questa storia dei fratelli è tutta un bluff” – ogni volta che riceve il copione si chiede quanto si prenderanno gioco di lui. Ed in  questo film, effettivamente, assai. Film arguto, sarcastico, intelligente. Con Tilda Swinton e Francis McDormand fantastiche e Channing Tatum ballerino stratosferico!

Il Festival apre bene, e siamo sicuri che continuerà così. Grande attesa per l’unico italiano in concorso, Fuocoammare di Gianfranco Rosi. A parte l’escursione termica tra sale cinema ed esterni… Berlinale2016 ci piace già.

About Ylenia Politano 156 Articoli
Ylenia Politano, giornalista, si occupa da diversi anni di cultura, lifestyle e cinema. Mamma di tre creature e moglie di un attore, tra un asilo, uno scuolabus, una piscina e feste con 20 bambini di età compresa tra 1 e 9 anni, torna al suo primo amore, il cinema. Interviste, recensioni, riflessioni. Grandi maestri e nuovi talenti. Incursioni qua e là. Set, anteprime, backstage. Quando la mamma non c’è…”la mamma è al cinema!”