Les 2 Alfred – French Tech: recensione

FRENCH TECH APPRODA COLCOA FILM FESTIVAL 2021 DI LOS ANGELES

DURATA: 92 minuti

USCITA: 2022

VOTO: 2 su 5

les2alfredLa pellicola dei fratelli Podalydès è una commedia atipica. L’idea è quella di un uomo costretto a nascondere il fatto di essere padre e nascondere i propri figli, pur di lavorare. L’uomo deve provare alla moglie militare in missione su un sottomarino, di essere  in grado di gestire i pargoli ed essere economicamente indipendente. Si butta quindi su uno di quei lavori una volta chiamati del futuro, ormai presente, basati su startup e nuove tecnologie che arrivano dritti da Silicon Valley. Il posto di lavoro assomiglia al campus di Google, niente scrivanie, tavoli da ping pong e divani su cui riposare. Ma le aspettative del capo sono alte. Niente spazio per il privato, disponibilità 24 ore su 24 che l’essere genitore non può permettere. Va in scena una città futuristica dove tutto è automatizzato, dalle macchine che si guidano da sole, ai droni che consegnano la merce. Molte le strade che si avrebbe potuto seguire, dalla commedia degli equivoci, alla satira sulla tecnologia padrone delle nostre vite. Invece si sceglie un approccio più narrativo, senza mai c’entrare appieno il segno. Tutta la tecnologia d’avanguardia che appare sullo schermo (ispirata a gadget già esistenti) viene data per scontata, lo spunto comico è spesso assente, il tono e perlopiù serioso. Si aspetta il momento che scateni la risata, ma non arriva mai. La trama gira intorno ad un appalto con il comune per un famigerato Game of Drones, un pretesto, perchè quello che sta più a cuore ai registi sono i personaggi. Tuttavia quando la vicenda giunge alla sua conclusione, di facile previsione, l’interesse per le loro vite è ormai dissipato.

About Michael Traversa 61 Articoli
"O fai di tutto per vivere, o fai di tutto per morire."