Dexter morgan: un personaggio unico

ANALIZZIAMO IL SERIAL KILLER DEI SERIAL KILLER, ESEMPIO LAMPANTE DI FICTION PERFETTA

Dexter, il protagonista dell’omonimo telefilm, è stato prima di tutto concepito come “eroe” letterario per poi diventare, grazie alla lungimiranza e al coraggio della Showtime, uno dei personaggi più amati della televisione.

Serial killer di notte e tecnico della polizia di Miami di giorno, Dex unisce due grandi personaggi della letteratura di tutti i tempi: Dottor Jekyll/Mr. Hyde e Robin Hood. La metamorfosi, non certamente fisica ma che sicuramente viene fuori dalla liberazione totale dell’inconscio, del serial killer nato dalla penna di Jeff Lindsay ricorda moltissimo quella del capolavoro di Stevenson mentre il suo essere un “vendicatore etico” che uccide solo i criminali sfuggiti alla giustizia può riportare alla memoria la giusta ingiustizia di Robin Hood.

Lo spettatore si è immediatamente innamorato dell’immorale figura di Dexter un po’ perché la vendetta è indole dell’essere umano e vederla realizzarsi sullo schermo è una catarsi che non può essere priva di pubblico, e un po’ perché il suo essere tanto sanguinario viene certamente giustificato in parte dal suo passato turbolento: adottato a tre anni in seguito al massacro della sua famiglia al quale ha assistito e nel cui sangue è rimasto seduto per giorni sino all’arrivo della polizia. L’atrocità quasi morale del comportamento nettamente amorale di Dexter proviene da un’immunizzazione al feroce che lui ha subito nei primi anni di vita e che è fondamentale per lui per poter vivere di giorno una vita normale.

Dal punto di vista strettamente televisivo “Dexter” è un capolavoro. I colpi di scena, non continui ma sempre ben pensati e realizzati catturano e abbrancano. Per questo non stupisce che in una stagione televisiva che ha ghigliottinato molte delle serie storiche o appena nate, la Showtime abbia invece confermato il suo geniale prodotto per altre due serie.

Durante le sei stagioni che sino ad oggi sono andate in onda il personaggio di Dexter ha subito una mutazione più psicologica che comportamentale: è tornato indietro nel tempo sino a scoprire segreti feroci sull’omicidio della sua famiglia che non l’hanno guarito dalla dipendenza della morte ma forse, con il coraggio dello scrittore prima e dello sceneggiatore poi, hanno reso quasi giustificabile il suo comportamento.

Dexter è un personaggio complessissimo: è un uomo affettuoso con la sua  donna che protegge dal’ex marito, è un fratello amorevole per la sorellastra dal passato tragico e turbolento che addirittura arriva a innamorarsi di lui, è il malato che si espone nelle sedute di terapia ed è, forse non principalmente ma anche un serial killer che uccide senza troppi torti. 

About Sandra Martone 1239 Articoli
Fiera, sommessa, repentina e breve. Anima d'annata ma anche editor e talent scout.
Contact: Facebook