Cenerentola: la versione cinematografica di Verdone nelle sale a Natale

UNA FAVOLA SENZA TEMPO, UN KOLOSSAL CHE HA COME COLONNA SONORA LE MUSICHE DI ROSSINI

“La possibilità di vedere su grande schermo un film così particolare nato in diretta per la televisione e ora rielaborato appositamente per il cinema, mi dà una grandissima soddisfazione, essendomi impegnato in un’operazione di alto spessore con una regia che ritengo divertita e divertente. Grazie al lavoro sulle maschere dei personaggi, a cui ho dato personalità e anima esaltando sia i toni da commedia che quelli più intimi e favolistici, sono convinto che il film piacerà molto anche a chi ha meno dimestichezza con la lirica, che è all’origine di questo Musical”: dalla sua dichiarazione Carlo Verdone sembra giustamente entusiasta del passaggio dal grande al piccolo schermo, dal 16 al 18 dicembre, del suo lavoro Cenerentola.

Il film nasce dal kolossal mandato in onda in mondovisione nel 2012, rimontato e arricchito. Dopo una lunga e fruttuosa fase di post-produzione – seguita personalmente da Andrea Andermann, l’ideatore degli straordinari spettacoli lirici in diretta Tv – Cenerentola rinasce come un nuovo film inedito, che Microcinema propone in sala.

Quella che è stata definita una favola per bambini di tutte le età, allegra, drammatica, ricca di emozioni e sempre più connessa al fiabesco mondo disneyano, approda al cinema grazie al vastissimo materiale registrato e mai mandato in onda – centinaia di ore di riprese realizzate da 35 telecamere per un numero infinito di inquadrature e un lavoro di montaggio durato sei mesi – e grazie alla realizzazione di nuove animazioni di Annalisa Corsi e Maurizio Forestieri che hanno creato altre situazioni e hanno raddoppiato le animazioni portandole a una durata di oltre mezzora.

“La versione cinematografica è frutto di una sofisticata ed articolata nuova edizione che fa convivere il “dramma giocoso” di Gioachino Rossini, all’origine di questa operazione, con un’allegria esplosiva sino alla farsa alternata ad una intensa malinconia. Al lavoro di cesello sugli attori/cantanti della regia di Carlo Verdone, si aggiunge la poetica ricchezza dell’animazione, che attraversa tutto il film, ideata da Annalisa Corsi, realizzata con Maurizio Forestieri”, ammette lo stesso Andermann.

La Cenerentola di Rossini/Verdone su libretto di Giacomo Ferretti è ispirata alla famosa favola di Charles Perrault, che fin nel titolo parlava di una scarpetta di cristallo, che viene eliminata per la morale dell’epoca e sostituita con un braccialetto. Nella versione che prina di Natale arriverà sul grande schermo questa censura è stata eliminata.

About Redazione Film4Life 5523 Articoli
Film 4 Life è una web magazine costituita da una redazione giovane e dinamica che si occupa di promozione, diffusione e comunicazione del cinema.
Contact: Facebook