Philophobia di Guy Davies

I FILM INDIPENDENTI POTREBBERO SALVARE IL CINEMA? IL REGISTA GUY DAVIES PARLA DELLA STRATEGIA USATA PER PORTARE IL SUO PHILOPHOBIA IN SALA.

Philophobia locandinaPortare un piccolo film indipendente al cinema è sempre una grande sfida, ma in una situazione incerta come quella che stiamo vivendo il regista emergente Guy Davies è riuscito a trovare un’interessante opportunità per il suo Philiphobia.

La pellicola è una storia d’amore di formazione ambientata nella sua città natale, Stroud. Non resta che un’ultima settimana di scuola per Kai, un aspirante scrittore, e i suoi amici mentre sostengono gli esami finali. Il modo in cui hanno scelto di trascorrere questo tempo costerà a uno di loro la vita e cambierà ognuno di loro per sempre.

Con i blockbuster in ibernazione, i cinema sono affamati di nuovi contenuti, il che significa opportunità per tariffe minori. Così Davies ha deciso di prendere l’iniziativa per il suo Philophobia. “Ho bussato alle porte tutto l’anno con il film, quindi ho pensato: perché non andare direttamente al cinema?”

Il regista ha trovato degli investitori inserendo un annuncio nel suo giornale locale. Ha anche realizzato tutto il materiale di marketing e online da solo, persino stampando i poster. Non aveva agenti di vendita o un aiuto professionale, o alcuna idea di cosa avrebbe dovuto fare; ha letteralmente cercato alcune persone del cinema e ha iniziato a chiamarle e a inviare loro e-mail.

“Ho iniziato con alcuni cinema locali, sperando solo di distribuirlo nel Gloucestershire e nell’area circostante, ma una volta che ne ho prenotati alcuni, immagino si sia sparsa la voce.” Ora Philophobia uscirà in più di 50 cinema del Regno Unito, comprese le catene Showcase e Vue, e in luoghi del centro di Londra, tra cui Leicester Square. “Mi sentivo come se ci fosse una lacuna nel mercato e probabilmente avremmo potuto trarne vantaggio, ma non mi aspettavo di avvicinarmi alla risposta che ho ricevuto”.

PHILOPHOBIAAlcuni elementi della trama di Philophobia sono molto familiari e lo sguardo è in qualche modo incentrato sui ragazzi, ma è sincero e bello, con un cast giovane e promettente. Inoltre, i temi e l’ambientazione moderna dovrebbero attrarre i giovani adulti, probabilmente il gruppo demografico meno soddisfatto del cinema in questo momento, e anche il meno timoroso di andarci.

Davies è stato in parte ispirato dal successo di After 2, un’altra storia d’amore Young Adult, che è stata rilasciata indipendentemente a Settembre, ancora una volta con zero marketing. È arrivato secondo a Tenet al botteghino e finora ha incassato 3,5 milioni di sterline nel Regno Unito.

Un nuovo ecosistema potrebbe emergere qui. In questo periodo, l’anno scorso, Joker stava monopolizzando più di 650 schermi nel Regno Unito, e la dimenticabile Famiglia Addams ne ha rifatti altri 550. Con i grandi film degli studios abbattuti dal Covid-19, un po’ di luce sta raggiungendo il suolo della foresta.

Il risultato potrebbe essere spazio per nuovi talenti per soddisfare un nuovo pubblico. Con una programmazione cinematografica illuminata, questo potrebbe sostenere l’industria in questi tempi di magra – e oltre. Il consiglio di Davies? “Devi essere un po’ implacabile. Devi solo continuare a bussare alla porta e sperare per il meglio”.

About Valentina Mordini 292 Articoli
"La vita è come una scatola di cioccolatini, non sai mai quello che ti capita".