In Trance: trailer, foto e curiosità sul nuovo film di Danny Boyle

L’ULTIMO LAVORO DEL REGISTA PREMIO OSCAR È UN THRILLER

Per la serie “quanto ci piacciono i remakes”, anche il prossimo prodotto cinematografico del premio Oscar Danny Boyle sarà un adattamento per il grande schermo tratto da un film per la televisione. Stiamo parlando di Trance, thriller andato in onda nel 2001, diretto da Joe Ahearne. Insime al co-sceneggiatore di fiducia, John Hodge, si è messo a tavolino per crearne un lungometraggio coinvolgente, originale e intrigante come solo lui sa fare.

Trainspotting, The beach, 28 giorni dopo, The Millionaire, 127 ore: questi sono solo alcuni dei capolavori di cui può vantare la regia, e che gli hanno fatto conquistare numerosi riconoscimenti a livello internazionale, inclusi gli Oscar. Che ci voglia riprovare a distanza di 2 anni dall’ultimo successo? Per aiutarlo nell’impresa, ha chiamato a far parte del cast James McAvoy, Vincent Cassel e Rosario Dawson. Iniziate le riprese nel 2011 con set interamente a Londra, sarà nei cinema d’oltre Manica a partire dal 27 Marzo prossimo.

La storia ruota attorno a Simon, un assistente di una casa d’aste che si accorda con il boss Frank per rubare un dipinto di impareggiabile valore. Durante la rapina però il boss capisce che Simon sta facendo il doppio gioco e così lo colpisce con un colpo alla testa. Al suo risveglio, non si ricorda più dove ha nascosto il prezioso quadro. La banda di Frank comincia prima con le cattive e poi con le buone a cercare di fargli tornare la memoria, anche con l’aiuto di Elizabeth, una psicoterapeuta. Il gioco però si fa pericoloso nel momento in cui il confine tra realtà ed immaginazione è precario.

Qui sotto trailer e foto dal film, intanto per voi 5 curiosità

  1. Ha partecipato alla scrittura della sceneggiatura anche il regista del film per la tv, Joe Ahearne.
  2. In un primo tempo per il ruolo di Frank, la produzione aveva pensato a Michael Fassbender, che ha dovuto declinare per altri impegni lavorativi. Successivamente si fece il nome di Colin Firth, ma fu scelto Vincent Cassel.
  3. Anche per la parte di Elizabeth, prima di Rosario Dawson, circolavano nell’aria i nomi di Scarlett Johansson, Melanie Thierry, Eva Green e Zoe Saldana.
  4. Le scene della rapina sono state girate all’interno del Victoria and Albert Museum di Londra.
  5. Il film è vietato ai minori di 18 anni per “contenuto sessuale, scene di nudo, violenza, alcune immagini raccapriccianti e linguaggio volgare”. Pieno stile Boyle, ma che stile!
About Valeria Vinzani 567 Articoli
"Il cinema non è solo un'esperienza linguistica ma, proprio in quanto ricerca linguistica, è un'esperienza filosofica".
Contact: Facebook