Adam Sandler in Mr. Cobbler e la bottega magica

ADAM SANDLER TORNA SUL GRANDE SCHERMO IN MR COBBLER E LA BOTTEGA MAGICA, DIRETTO DA TOM McCARTHY

mr-cobbler-e-la-bottega-magicaHa cambiato decisamente rotta Tom McCarthy, il regista e sceneggiatore premio Oscar de Il Caso Spotlight, con Mr Cobbler e la bottega magica, una commedia dai risvolti magici e avventurosi. Dal 21 luglio nelle sale italiane con Barter Entertainment, è la storia del ciabattino Adam Sandler, affiancato da un cast eccezionale: Steve Buscemi, Dustin Hoffman, Ellen Barkin e Dan Stevens.

Un uomo solo e insoddisfatto trascina a fatica il suo lavoro di calzolaio a New York, in un quartiere preso di mira da alcuni ricconi che vogliono chiudere le antiche botteghe e farne solo residenze. Un bel giorno, quando la macchina per riparare le suole si rompe, Max (Sandler) usa un’antica macchina da cucire, appartenuta a suo nonno, senza sapere che proprio questa macchina dona alle scarpe dei poteri magici. È così che da ciabattino depresso Adam Sandler si trasforma in eroe involontario, e svela diversi misteri attorno alla sua vita.

Il film, impreziosito dal cameo di Dustin Hoffman, è un classico americano, dove si incastrano a dovere i toni comedy con quelli buonisti e dove il bene combatte i brutti e cattivi. Adam Sandler interpreta con grazia un uomo appesantito e un po’ immaturo, che si stupisce ancora e crede nella giustizia. Steve Buscemi è un barbiere saggio, custode di molti segreti.

Una pellicola poco impegnativa rispetto a Spotlight, senza sbavature, adatta a tutta la famiglia, specie in una sera d’estate, quando tra il caldo e le vacanze si ha voglia di sognare di potersi mettere “nelle scarpe” di qualcuno per vedere cosa si prova!

About Ylenia Politano 156 Articoli
Ylenia Politano, giornalista, si occupa da diversi anni di cultura, lifestyle e cinema. Mamma di tre creature e moglie di un attore, tra un asilo, uno scuolabus, una piscina e feste con 20 bambini di età compresa tra 1 e 9 anni, torna al suo primo amore, il cinema. Interviste, recensioni, riflessioni. Grandi maestri e nuovi talenti. Incursioni qua e là. Set, anteprime, backstage. Quando la mamma non c’è…”la mamma è al cinema!”