All’Ara Pacis una mostra in onore di Lucio Dalla

lucio dalla

A 10 ANNI DALLA SUA IMPROVVISA SCOMPARSA, ARRIVA ALL’ARA PACIS DI ROMA UNA MOSTRA IN ONORE DEL CANTAUTORE E ARTISTA LUCIO DALLA

Sono passati 10 anni dall’improvvisa morte dell’artista, cantautore e musicista Lucio Dalla. Per la prima volta, dopo la sua scomparsa, arriva da Bologna a Roma negli spazi del museo dell’Ara Pacis una mostra a lui dedicata. Dal 22 settembre e fino al 3 gennaio 2023, dunque, sarà possibile visitare Lucio Dalla – Anche se il tempo passa,  a cura di Alessandro Nicosia, curatore di alcune fra le più belle esposizioni celebrative degli ultimi anni (Alberto Sordi e Vittorio Gassman tra le tante), con l’importante apporto della Fondazione Lucio Dalla.

lucio dallaUna mostra commovente e grandiosa, aperta a tutti, con percorsi speciali per ipovedenti e sordi, per riscoprire e conoscere il talento di Lucio Dalla. Non solo autore e compositore di musiche e canzoni entrate nella storia, ma anche musicista, attore, scat-man, clarinettista jazz, personaggio e uomo di enorme generosità. Questo e molti altri gli aspetti affrontati nel percorso espositivo di Roma, composto da varie sezioni  Famiglia/Infanzia/Amicizie, Inizi musicaliDalla si raccontaIl clarinettoIl museo Lucio Dallala sua musicail cinemail teatrola televisioneUniverso DallaDalla e RoversiDalla e Roma. In ogni sezione saranno presenti pezzi e oggetti rari e mai visti, come i giocattoli che utilizzati dal piccolo Lucio, come un Topolino d’epoca, oltre a foto della sua infanzia, della famiglia e dei suoi spettacoli a teatro dove si esibiva fin da bambino.

Non mancano, poi, i suoi dischi di platino e d’oro, testi delle canzoni, strumenti, vestiti e pellicciotti, la sua collezione di berretti e cappelli. Oltre alla sua musica, nel percorso di mostra Lucio Dalla – Anche se il tempo passa ci sono anche i manifesti di alcuni dei molti film interpretati dal cantautore. L’ultima apparizione sul grande schermo di Lucio Dalla risale al 2006 quando ha vestito i panni di Sancho Panza accanto a Peppe Servillo nel Quijote di Mimmo Paladino. Durante la sua carriera, Lucio aveva preso parte nel 1975  La mazurka del barone, della santa e del fico fiorone di Pupi Avati; nel 1967, invece, con i fratelli Taviani si è cimentato nel ruolo di protagonista ne I sovversivi. Lo ritroviamo, poi, anche in Altissima pressione con Gianni Moranti, Per un pugno di canzoni e Rita nel West con Rita Pavone. 

Con il cinema chiuse ben presto la sua collaborazione, per dedicarsi totalmente alla sua grande passione, la musica. Ma oltre a queste sue partecipazioni, nel cinema di Lucio Dalla ci resta il grande omaggio di Eleonora Giorgi e Carlo Verdone in Borotalco e le sue indimenticabili canzoni, come Futura, ascoltata anche in un film americano, Ti amerò… fino ad ammazzarti di Lawrence Kasdan.

About Krizia Ricupero 332 Articoli
"Nessuno può mettere Baby in un angolo".